Are you ready to supercharge food innovation?

We are.

Il FoodTech Accelerator è pronto per questa sfida. Ecco perché, durante la stessa giornata, abbiamo lanciato il FoodTech Hub – lo spazio in cui le startup e al food community vivranno per le prossime 15 settimane di accelerazione – e annunciato al pubblico le 7 startup internationali che parteciperanno al programma.

Come raccontavamo in un precedente articolopiù di 300 startup da 41 paesi hanno applicato – un risultato straordinario! Ci sono voluti 4 mesi per selezionare le startup e fare match-making tra startup e i bisogni dei corporate partner.

1 GIORNO, 2 EVENTI, 3 CORPORATE E 6 SUPPORTING PARTNER, 7 STARTUP, 50 MENTOR INTERNAZIONALI E 230 PERSONE COINVOLTE.
QUESTO E’ QUELLO CHE CHIAMIAMO UN ‘KICK-OFF SHOW’.

Stati Uniti, Israele e Italia – una destinazione: Milano. Milano sta diventando l’hub internazionale per il food e l’innovazione?

Il FoodTech Hub che abbiamo svelato lo scorso 22 gennaio è il luogo in cui la FoodTech community animerà le prossime 15 settimane: il calendario eventi verrà pubblicato presto – che include speech di esperti internazionali provenienti da VC, corporate innovative, keynote per esperti di food, e molto altro – mentre startup, mentor e i corporate partner continueranno a sviluppare i loro progetti.

Più di 70 persone hanno partecipato alla sessione Startup + Mentor match-making: ai mentor è stato chiesto di selezionare 3 startup dopo aver ascoltato i pitch dei loro potenziali mentee in meeting 1-to-1.

Infine, abbiamo pubblicamente lanciato il FoodTech Accelerator: Marco Brunelli (Fondatore di Finiper) e Francesco Iervolino (Partner di Deloitte Officine Innovazione) hanno accolto i 230 partecipanti confermando quanto questa iniziativa sia rivolta all’innovazione e quali saranno i benefici per i partner coinvolti; gli stessi partner hanno poi avuto modo di commentare il progrmama, la selezione delle startup e cosa succederà nei mesi a venire (partecipanti: Gianluca Giovannetti, Chief Innovation e Business Services Officer di Amadori; Giacomo Fanin, Chief Innovation Officer di Cereal Docks; GianMaria Gentile, CIO & Digital Director di Finiper; Stefano Molino, Partner di Innogest; Gabriele Ronchini, CEO & Head of Startups Portfolio di Digital Magics; Emanuele Gallo Perozzi, COO di Seeds&Chips; Alessandro Squeri, Presidente di Federalimentare Giovani; Marco Perrone, Head of Open Innovation & Acceleration di Deloitte Officine Innovazione).

Vengono da tutto il mondo e sono pronte per disrupt i settori retail e agri-food: ecco qui sotto le 7 startup finaliste!


  • FeatFood. Italiana, è un operatore integrato multichannel che produce, vende e distribuisce cibi salutari e bilanciati soprattutto per una dieta a sostegno di una vita sportiva. È attualmente venduta online ed è distribuita su canali dedicati (centri fitness).
  • Inspecto. Israeliana, ha sviluppato uno scanner portatile per l’analisi della contaminazione nella materia prima vegetale da parte di eventuali sostanze nocive. I dati scansionati sono archiviati sul cloud e protetti da un sistema strutturato su un protocollo blockchain.
  • Petzamore. Italiana, produce e vende cibi pronti human grade per cani, utilizzando materie prime di qualità e bilanciando ingredienti e proprietà nutritive grazie a un algoritmo proprietario.
  • Planetarians. Statunitense, ha messo a punto il processo e la composizione di un nuovo prodotto innovativo. Si tratta di una farina ricca di proteine e poco costosa ricavata dai semi di girasole già utilizzati per la produzione.
  • Rise. Statunitense, produce una farina organica pensata per le preparazioni dell’industria dolciaria. Nutriente e poco costosa, questa farina viene prodotta riciclando le rimanenze di orzo dei birrifici.
  • ReOlì. Italiana, produce una crema a base di olio extravergine d’oliva da utilizzare al posto del burro o della margarina. Il prodotto è ottenuto attraverso un processo innovativo brevettato, che permette la solidificazione dell’olio.
  • Wasteless. Israeliana, utilizza un algoritmo di intelligenza artificiale scalabile offrendo una soluzione di dynamic pricing per i supermercati, basata sulla data di scadenza dei prodotti grazie al monitoraggio real-time della merce venduta.

Stay tuned per i prossimi eventi!